Blog

Spot Ikea + parodia Apple = Viral

Ogni anno, il lancio del nuovo catalogo di Ikea viene salutato da spot che ne annunciano le caratteristiche, le novità e lo stile. Spot sempre gradevoli, spesso innovativi, ma pur sempre rivolti a un target preciso di appassionati del mondo Ikea.

Ogni anno, il Keynote di Apple annuncia le meraviglie dell’avanguardia tecnologica e del design che questo brand da sempre rappresenta, seguito a stretto giro da filmati di presentazione dallo stile preciso: intervista ai responsabili della progettazione del nuovo device (spesso nella persona del britannico Jonathan Ive a cui fa palesemente il verso l’attore dello spot Ikea), dimostrazione delle novità e delle funzionalità, raccontate con orgoglio e ispirato entusiasmo. Un “must” per tutti gli amanti della Mela morsicata.

Quest’anno, l’agenzia BBH Singapore ha pensato bene di unire questi due mondi in un solo filmato che, prendendo in giro lo stile di Apple, presenta il catalogo Ikea 2015 (cartaceo) come se fosse un nuovo, evolutissimo strumento tecnologico: il Bookbook. Uno strumento “rivoluzionario” che non necessita di cavi d’alimentazione, consente una “navigazione” tattile per scorrere le pagine sia avanti che indietro, ha in dotazione un contenuto preinstallato in 320 pagine ad alta risoluzione che si “caricano” istantaneamente mentre si sfoglia.

Per ottenerlo, è sufficiente attenderne il “download” nella propria mailbox (ovvero: te lo mandano a casa e lo lasciano nella buca delle lettere) oppure, effettuando un “upload di se stessi” presso il più vicino Ikea Store, “scaricarne” una copia personalmente.

Una simpatica presa in giro del mondo Apple (peraltro a ridosso del Keynote più atteso dell’anno) che, oltre ad essere divertente, ha reso istantaneamente virale il filmato, grazie al principio che vede il viral come il risultato non soltanto di un’idea originale e di un’esecuzione brillante, ma anche della fusione di target diversi ma compatibili (in questo caso i fan di Ikea e quelli di Apple) che, condividendo il contenuto tra di loro, ne moltiplicano di fatto la diffusione in modo esponenziale.

Signore e signori, ecco a voi il Bookbook: